Inquinanti dell'atmosfera

I dati sull’inquinamento atmosferico sono pubblicati quotidianamente sul sito dell’ARPAT. Il bollettino esce nei giorni feriali, alle 13 dal lunedì al venerdì, i dati di PM10 sono invece pubblicati tutti i giorni. Lo stato di inquinamento viene evidenziato anche con colori associati a specifici range di concentrazione degli inquinanti, definiti sulla base dei limiti di legge. Per ogni comune della Toscana è possibile filtrare le stazioni della zona omogenea corrispondente collegandosi al sito di ARPAT .

  • Il biossido di azoto (NO²) è un gas di colore rosso bruno, di odore pungente e altamente tossico che si forma nei processi di combustione ed è il risultato degli impianti di riscaldamento e/o del traffico veicolare. Per l’area del Valdarno Superiore è possibile consultare i dati di biossido di azoto rilevati giornalmente dalla stazione di monitoraggio di Figline Valdarno
  • Monossido di carbonio (CO)
  • L'ozono (O³) è un gas incolore ed inodore, tipicamente estivo, fortemente instabile e dotato di grande reattività. Le concentrazioni di Ozono più elevate si registrano normalmente nelle zone distanti dai centri abitati, la quota di Ozono proveniente dall’esterno rappresenta la maggior parte dell’ozono presente nelle abitazioni. L’Ozono è un inquinante molto tossico per l'uomo, è un irritante per tutte le membrane mucose ed una esposizione critica e prolungata può causare tosse, mal di testa e perfino edema polmonare. Per questi motivi è consigliabile che durante le situazioni di "allarme" le persone più sensibili e/o a rischio rimangano in casa. La Regione Toscana ha predisposto una specifica pagina Web per fornire informazioni alla popolazione sui livelli di concentrazione di Ozono (O3) durante il periodo critico per questo inquinante (1° maggio -15 settembre di ogni anno).
  • Polveri sottili. Le polveri sottili, o particolato atmosferico, sono un pulviscolo molto fine, talmente leggero che resta facilmente sospeso nell’aria. Queste piccole particelle sono di natura organica e inorganica e possono presentarsi sia allo stato solido che a quello liquido. Sono capaci di adsorbire sulla loro superficie diverse sostanze con proprietà tossiche quali solfati, nitrati, metalli e altri composti volatili. Le polveri sottili si distinguono in:
  • Pollini e spore fungine

Data di creazione: 04/11/2020
Data di ultima modifica: 01/07/2021

Torna all'inizio del contenuto